Il MEF con la Circolare n. 1 del 09 marzo 2015 ha chiarito che l’ambito soggettivo di applicazione        

dell’obbligo di fatturazione elettronica è così delineato:            

  • soggetti di cui all’art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001: tutte le Amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti, le scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed Amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura  e loro associazioni, tutti gli Enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le Amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (ARAN) e le Agenzie di cui al Decreto          Legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e fino alla revisione organica della disciplina di settore, le disposizioni di cui al presente Decreto continuano ad applicarsi anche al CONI;       
  • soggetti di cui all’art. 1, comma 2 della L. n. 196/2009: i soggetti indicati a fini statistici nell'elenco oggetto del comunicato dell’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana entro il 30 settembre di ogni anno e le Autorità indipendenti;
  • soggetti di cui all’art. 1 comma 209 della L. 244/2007: le Amministrazioni autonome.

 

Definiti i soggetti coinvolti, il MEF richiama il D.M. n. 55 del 3 aprile 2013, che all’art. 6 stabilisce le tempistiche di attuazione, distinguibili in quattro momenti differenti:         

  • ADOZIONE VOLONTARIA (art. 6, comma 1, del D.M. Economia e Finanze n. 55/2013): a decorrere dal 6 dicembre 2013 il SDI verrà reso disponibile per le Amministrazioni Pubbliche che volontariamente intendono aderire e sulla base di accordi stipulati con i propri fornitori;           
  • ADOZIONE OBBLIGATORIA (art. 6, comma 2, del D.M. Economia e Finanze n. 55/2013): per alcune P.A. centrali. A decorrere dal 6 giugno 2014 (12 mesi dall’entrata in vigore del regolamento), adozione obbligatoria per i Ministeri, le Agenzie Fiscali e gli Enti nazionali di previdenza ed assistenza sociale, individuati nell’elenco ISTAT come tali;
  • ADOZIONE OBBLIGATORIA PER I RESTANTI SOGGETTI: (art. 6, comma 3, del D.M. Economia e Finanze n. 55/2013 e art.25, D.L. IRPEF D.L. n. 66/2014): per le restanti P.A.. A decorrere dal 06 giugno 2015 (24 mesi             dall’entrata in vigore del Decreto), adozione obbligatoria per le restanti Amministrazioni Pubbliche.       

 

L’art. 25 del D.L. n.66/2014 ha successivamente anticipato al 31 marzo 2015 la scadenza, anche per le Amministrazioni locali, per la cui individuazione la L. 244/2007 rimandava ad apposito decreto.            Il MEF ritiene che tali Amministrazioni locali siano soggette ad obbligo di fatturazione elettronica, a prescindere dall’emanazione del decreto, ma ritiene sufficiente la loro individuazione in base all’elenco ISTAT.

 

info@studiobasilecb   studio: 08741960322  mobile: 3208163661